Mirror e Rhiag: la quotidiana lotta di classe nella logistica…

Mirror_Rhiag_2015Ieri, 26/03/2015, durissima giornata di battaglia davanti ai cancelli della logistica, dove i lavoratori in lotta organizzati dal S. I. Cobas, e sostenuti da centinaia di compagni solidali, hanno subito attacchi dalle forze dell’ordine allo sciopero alla Mirror di Ferrara e sprangate da caporali e fascisti al picchetto ai cancelli della  Rhiag di Siziano (Pavia). Proviamo qui a riassumere a grandi linee la giornata, pubblicando un po’ di materiale audio/video che in queste ore sta girando in rete.

  1. Alla Rhiag lo sciopero, con blocco dei cancelli inizia alle 5.30 del mattino. La rivendicazione è chiara: riassunzione di tutti e 13 i licenziati politici, espulsi dall’azienda dopo il primo sciopero, avvenuto a fine febbraio. Nel pieno dello sciopero una cinquantina di persone (tra crumiri e caporali della cooperativa, inquadrati nella fascista UGL), armati di bastoni e spranghe, attaccano i lavoratori. Dopo alcuni istanti di caos il picchetto dei compagni si ricompatta, costringendo gli aggressori a riparare in azienda. Qualche ferito lieve anche tra i compagni. Respinto l’attacco fascista, il presidio continua davanti ai cancelli del magazzino, con il blocco totale della merce in entrata e uscita. Qui, intervista video a compagno S. I. Cobas sui fatti della mattinata, qui intervista audio di Radio Onda d’Urto ad altro compagno S. I. Cobas.
  2. Alla Mirror di Ferrara continua, invece, la lunga battaglia per la riassunzione dei 14 lavoratori licenziati (qui un po’ di materiale sulla vertenza). Anche qui alla repressione padronale – durante i lunghi mesi di mobilitazione, picchetti, cortei, giornate nazionali – si sono sommate vere e proprie campagne fascioleghiste di linciaggio mediatico contro i lavoratori in lotta. Ieri, ennesima giornata di mobilitazione dei lavoratori che, assieme ai solidali, hanno bloccato i camion davanti ai cancelli della fabbrica, richiamando alle proprie responsabilità anche la S. Agostino, principale cliente della Mirror. Non sono mancate nella giornata attacchi e violenze da parte delle forze dell’ordine. Alcuni compagni sono stati fermati e a 3 di questi comminati fogli di via. A loro, come a tutti i loro compagni di lotta, va la nostra solidarietà. Qui, intervista a compagno S. I. Cobas sulla vertenza e qui video degli scontri con le forze dell’ordine nel tentare di sgomberare il blocco.

Questa la realtà capitalistica, questa la reazione operaia che si pone su un terreno di classe. Dai cancelli della logistica i Landini e le loro coalizioni sociali appaiono, alla meglio, nebulosi e distanti; alla peggio, l’ennesima gabbia dove ingabbiare l’organizzazione operaia.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Attualità, Lavoro & Capitale e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...