Nuovo sciopero nelle cooperative lombarde…

Pubblichiamo di seguito il breve comunicato sullo sciopero effettuato dagli operai di cooperativa, appaltati presso il “Gigante”, Lunedì 14 Maggio 2012. 

Questa mattina, dalle 5,30, oltre 100 operai dei magazzini del “Gigante” di Basianohanno incrociato le braccia e bloccato i cancelli per oltre 5 ore (il 97% della forza-lavoro, ndR) , sostenuti nella loro azione da 50 attivisti del coordinamento di sostegno alla lotta delle cooperative (per metà operai di altre cooperative della logistica, per il resto provenienti dalle fila del CSA Vittoria, del SI.Cobas e del Boccaccio di Monza).
Nei magazzini lavorano operai di due diverse cooperative: la Bergamasca (consorzio CISA) e Sinergy (consorzio Alma) che oggi si sono unite nella protesta (in allegato il volantino distribuito ai cancelli). L’unico momento di tensione si è registrato quando un camionista, che aveva il via ibera per uscire (vuoto) dal magazzino, ha cercato di travolgere il picchetto, agitando un manganello di ferro dal finestrino del camion.
Nel merito della vertenza si segnala una situazione particolarmente scandalosa in Bergamsca, i cui soci-lavoratori sonocostretti a lavorare per 4€ l’ora a causa di “accordi fra i soci per far fronte alle perdite dell’impianto” causate, a detta dei dirigenti della cooperativa, dallo “scarso rendimento di alcuni operai (ovviamente quelli iscritti al SI.Cobas)”.
La situazione di paralisi totale dell’attività, nel giorno più movimentato della settimana, ha costretto i dirigenti delle due cooperative ad incontrare una delegazione degli scioperanti e del SI.Cobas che ha promosso la lotta; al tavolo si sono seduti inoltre due delegati degli operai non iscritti al SI.Cobas che hanno comunque deciso di aderire allo sciopero per solidarietà.
Più di ogni altro commento sull’esito dell’incontro (che per la cronaca è stato riaggiornato a due ulteriori momenti distinti, per ognuna delle cooperative presenti nel sito) crediamo valga la pena citare il contenuto dell’intervento di uno dei delegati non iscritti al SI.Cobas: “Noi ci siamo fermati per solidarietà coi nostri colleghi che hanno condizioni peggiori delle nostre. D’altra parte, se a parità di lavoro ci sono 300€ al mese di differenza, questo diventa un problema di tutti e va risolto. Proponiamo di interrompere lo sciopero e andare a incontri fra le parti per risolvere le questioni; in ogni caso la strada dello sciopero è sempre possibile e, dopo questa mattina, realizzabile in ogni momento“.
In poche parole, anche se nulla è stato risolto questa mattina, niente sarà più come prima.
La paura è entrata anche nelle fila dell’avversario e adesso spetta agli operai concretizzare quello che hanno messo in campo. .
La lotta prosegue e si sposta nuovamente davanti ai cancelli Esselunga per il presidio-volantinaggio di mercoledì sera alle 21 (in allegato la bozza), a sostegno dell’azione degli operai licenziati che, anche oggi, insieme a quelli della TNT di PIacenza e della DHL di S.Giuliano, non hanno fatto venir meno il loro sostegno militante.

Si. Cobas
Coordinamento di sostegno alla lotta delle cooperative

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Lavoro & Capitale e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...